Il tema della psicopatia affrontato dalla SAPP

La SAPP da tempo si occupa di psicopatia nel suo percorso formativo, già a partire dai tirocinanti post lauream. Secondo il PPM, che va sempre a focalizzare e trattare i paradossi caratteristici di ciascuna organizzazione di personalità, ritiene che il piccolo futuro psicopatico viene piano piano letteralmente imprigionato in una serie di paradossi.Proprio questi paradossi dovranno essere oggetto di elaborazione soprattutto con i soggetti in età evolutiva, che già presentano un funzionamento psicopatico o anche solo tratti psicopatici; altrimenti il bambino, futuro psicopatico, per garantirsi la sopravvivenza in un contesto in cui non è possibile sopravvivere per il continuo diniego che gli viene fatto del suo mondo emotivo e l’assenza di risposte adeguate e corresponsive ai suoi comportamenti, dovrà necessariamente mantenere una parte di sé scissa e “segregata”.