Il paziente dimenticato: il suicidio. Quando la fine non diventa un inizio.

Contributi di: Samantha Bellini, Giuseppe Ducci, Denise Erbuto, Antonella Giordani, Federico Marolla, Maurizio Pompili.

Il tema del suicidio è uno degli argomenti più controversi, problematici e dibattuti non soltanto in ambito psicologico: esso abbraccia l’intera cultura, ponendo in campo questioni quali le nostre vite, la morte e la libertà individuale.

Questo volume affronta in modo completo ed esaustivo un argomento spesso ignorato e trascurato ma purtroppo sempre attuale, analizzandone l’evoluzione culturale e sociale per soffermarsi sugli aspetti psicopatologici e clinici che caratterizzano questo triste evento.

Scorrere le pagine del libro è come accendere una piccola luce per individuare la multifattorialità di questi eventi, delineando innanzitutto i particolari scenari e i contesti sociali di chi ha deciso di compiere il gesto finale di togliersi la vita.

Gli autori ci accompagnano in questo difficile viaggio per comprendere una realtà drammatica con la speranza che non si debba mai dire: “è troppo tardi”.

Anita Casadei, psicologo, psicoterapeuta psicoanalitico, PhD alla Southern International University di New Orleans Luisiana (USA), docente della Scuola dell’Accademia di Psicoterapia Psicoanalitica (SAPP), revisore dei conti della Società Italiana di Psicoterapia (SIPSIC), fondatore e socio dell’Accademia di Psicoterapia Psicoanalitica.

Sara Acampora, psicologa, psicoterapeuta psicoanalitica, docente della Scuola dell’Accademia di Psicoterapia Psicoanalitica (SAPP), membro del Centro di Psichiatria e Psicoterapia di Roma, socio fondatore dell’Accademia di Psicoterapia Psicoanalitica.

Casa Editrice Franco Angeli: Collana Psicodinamicamente